FEDERAZIONE ITALIANA SINDACATI ADDETTI SERVIZI COMMERCIALI AFFINI TURISMO
fisascat cisl / toscana
SEDI / TOSCANA
ARTICOLI / IN EVIDENZA
La Fisascat rilancia su destagionalizzazione e formazione professionale.
inserito il 25/03/2015

Raineri: “EXPO2015” grande opportunita’ per per lo sviluppo del comparto turistico italiano”

“Unire il turismo alle grandi opportunità che offre il settore dell’alimentazione mediterranea può diventare una vera carta vincente per il futuro e l’Expo2015 ormai alle porte è una grande opportunità per il rilancio del comparto turistico e dell’occupazione in Italia”. Lo ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Pierangelo Raineri in occasione della Borsa del Mercato del Lavoro promossa a Firenze dall’EBTT, l’Ente Bilaterale del Turismo Toscano. “Lo sviluppo turistico richiede meno investimenti dei settori produttivi tradizionali –. ha sottolineato Raineri - Con una spesa relativamente contenuta si può ottenere un dato occupazionale interessante in breve tempo”. Per il segretario generale della Fisascat anche il tema della destagionalizzazione può rappresentare una nuova opportunità per tutto il territorio nazionale e soprattutto per lo sviluppo di alcune realtà territoriali di eccellenza del Sud. “Con la destagionalizzazione – ha evidenziato Raineri – intendiamo proporre un nuovo modello di sviluppo, che dia più stabilità a tutto il sistema turistico italiano e che sia in grado di garantire un'occupazione stabile, valorizzando contemporaneamente la professionalità dei lavoratori”. Per Raineri formazione e occupabilità sono due concetti paralleli da sviluppare in tutti gli ambiti produttivi, a maggior ragione nel comparto turistico dove la qualità dei servizi erogati accresce la capacità di essere competiviti. “La formazione professionale può essere una strategia vincente per il rilancio, lo sviluppo e la qualità del Turismo –. ha evidenziato - Formazione significa più qualità e più qualità consente più competitività al turismo, a patto che questa formazione comprenda anche conoscenze adeguate delle sinergie possibili tra turismo e alimentazione”. Per il segretario generale della Fisascat un contributo concreto potrà essere fornito anche dalla contrattazione. “Anche il sistema contrattuale può fare molto, cercando ad esempio di allungare i rapporti di lavoro con i periodi di ferie, i permessi ed i recuperi in costanza di rapporto di lavoro e riequilibrando le prestazioni nei periodi di alta e bassa stagione -. ha concluso Raineri - Ma non può certo da solo risolvere il problema della destagionalizzazione, che richiede una volontà congiunta dei diversi attori del comparto turistico, che dia priorità a questo tema, come è già stato fatto in diversi Paesi europei”.

Potrebbero interessarti anche

Questo sito utilizza cookie di navigazione per funzionare correttamente e per analizzare il traffico. Per la completa funzionalità del sito acconsenti alla condivisione dei dati di utilizzo con i fornitori di contenuti incorporati nel sito.

Accetto   Rifiuto   Informativa Privacy